Circuito Cinema - Sala Truffaut

Prima visione

Il tocco del peccato

(Tian zhu ding)
14/12/2013
20.00
22.30
15/12/2013
18.00
20.30

(Cina/Giappone 2013) di Jia Zhang-ke - 133’

Prologo: un uomo in motorino viene bloccato da alcuni ragazzi che armati di accetta lo vorrebbero rapinare. Lui estrae una calibro 45 e li fa secchi con fredda determinazione. È solo l’inizio di un affresco della Cina contemporanea dai connotati tragici, realizzato dal regista anche contravvenendo alle rarefazioni d’autore dei suoi film precedenti. Quattro episodi che partono dalla provincia mineraria dello Shanxi, dove il regista è nato. Il lavoro (ogni personaggio ha, o ha avuto, un ruolo professionale definito), il denaro, l’avidità, gli oggetti status symbol come le macchine di lusso o i cellulari di ultima generazione. La Cina di oggi è uguale al mondo occidentale descritto in un passaggio del film come “in crisi economica irreversibile”, ed è curioso che un così potente e dolente affresco della potenza emergente si concluda con un ragazzo che si butta dal balcone, proprio come comincia Miss Violence di Avranas, metafora sul crollo della Grecia e della sua cultura. La violenza è il nuovo linguaggio comune: violenza insensata, improvvisa e spropositata, in mezzo a frammenti della cronologia del caso e a movimenti della macchina da presa che “scoprendo” i personaggi li rendono per contro più enigmatici. Il film ha vinto a Cannes il premio per la migliore sceneggiatura ma che forse meritava di più.

coming soon