Un insolito naufrago nell'inquieto mare d'oriente

Un insolito naufrago nell

Titolo originale: Le cochon de Gaza

Irresistibile commedia francese d'ambientazione a Gaza, meritatamente premiata col César come opera prima, offre una boccata d'aria fresca nella pur ricca filmografia sul territorio in questione. Un punto di vista surreale, un evento impossibile ma poeticamente plausibile reso indimenticabile dallo sguardo di un esordiente transalpino (peraltro di origini né ebraiche né palestinesi) nutrito dal desiderio di portare un contributo di Pace ed Arte: ce ne fossero... All'indomani di una tempesta, il pescatore palestinese Jafaar si ritrova per caso nella rete un maialino vietnamita: dopo aver tentato di sbarazzarsi dell'insolito naufrago, l'uomo decide di "approfittare" di quella pesca inaspettata, lanciandosi in una ingegnosa quanto rocambolesca iniziativa... Prima o poi qualcuno scriverà una storia del cinema dal punto di vista degli animali, nel senso degli animali usati come personaggi a tutto tondo, e ne vedremo delle belle. Dalla vacca di Buster Keaton all'asino di Bresson fino ai compagni di sventura del naufrago in Vita di Pi, passando per chissà quanti cani, gatti, scimmie e cavalli (perfino Godard ha messo il cane di casa al centro del suo ultimo film), registi e autori non hanno smesso di ricorrere alle più varie specie animali per sviluppare il racconto e talvolta il sottotesto filosofico, sociale o religioso dei loro film. A quest'ultima categoria appartiene senz'altro il maiale beffardamente piazzato dall'esordiente Sylvain Estibal nelle reti di un pescatore... palestinese. Il maiale è infatti l'animale più impuro che ci sia per i musulmani. E tirare su con la rete un bel porcellino vivo, nel mare sempre meno pescoso di Gaza, è un oltraggio e una disgrazia per il povero Jafaar (lo straordinario Sasson Gabay che qualcuno ricorderà nel film israeliano La banda. Le cochon de Gaza, cioè “Il maiale di Gaza”, come suona il titolo originale, è un film satirico abbastanza all'antica che ha dalla sua diverse anomalie molto interessanti. La più vistosa riguarda l'autore, uno scrittore e giornalista franco-uruguayano estraneo al cinema come alle due nazionalità in gioco nel film. Il che sulle prime può lasciare perplessi, ma fa riflettere. Perché mai sulla questione palestinese (o israeliana) dovrebbero intervenire solo i diretti interessati? Estibal difende la sua libertà d'autore, scompiglia le carte, non rispetta niente e nessuno. E tra un omaggio a Chaplin e uno a Fernandel sfiora l'Intifada, il muro d'Israele, il fanatismo e il culto dei martiri. Lasciando il terreno della farsa solo per un'isolata impennata poetica (nel frattempo l'ingenuo Jafaar è diventato il primo 'martire' vivo e vegeto - in pratica una star - della storia islamica...). Peccato che il doppiaggio italiano cancelli le differenze di lingua e cultura fra i protagonisti. Ma queste sono ingiustizie di casa nostra.