The Connection

connection1.jpg

Film d'esordio della Clarke, tratto dalla pièce teatrale di Jack Gelber messa in scena dal Living Theatre. Ritrae un gruppo di jazzisti eroinomani in attesa dell'arrivo del “contatto”, il pusher Cowboy, in un appartamento del Greenwich Village a New York, tra chiacchiere esistenzialiste e jam session. Il film, pietra miliare del New American Cinema, recentemente restaurato, vinse il Premio della critica al Festival di Cannes ma fu censurato negli Stati Uniti per linguaggio “osceno”.

In occasione della mostra “Io sono una poesia – Parole sui muri e le arti negli anni Sessanta tra Modena e Reggio Emilia” al Museo Civico d'Arte di Modena

 

Link IMDB