Circuito Cinema - Sala Truffaut

Prima visione

Il Club

(El club)
27/02/2016
21.15 v. italiana

28/02/2016
18.30 v. italiana
20.30 v. o. sott. ita

(Cile 2015) di Pablo Larraín - 98'

Dal libro della Genesi: “Dio vide che la luce era cosa buona e separò la luce dal buio”. Cile, oggi. In un paese sul mare, una casa ospita quattro sacerdoti impresentabili per la chiesa (pedofili, uomini di potere e tortura, commercianti di bambini nel nome di Cristo). A fare loro da secondino una suora d’occasione. Una donna di casa, non una carceriera. Perché “il club” è un pensionato spesato, una stalla segreta e ripulita, una dépendance lontana dell’hotel Vaticano. Nessuna preghiera penitente, nessuna opera di bene. Sono ammesse scommesse sulle corse di cani. Le cose precipitano: un prete della chiesa novissima, la chiesa riformista di papa Francesco, giunge per risolverle. “Il club” è la chiesa cattolica: e quello che schifa il regista di Toni Manero No - I giorni dell'arcobaleno è la sua ideologia, la logica dell’occultamento continuo, la pratica della negazione, il perdono come forma di relativizzazione della realtà. E’ contro l’assenza di orientamento morale che le immagini, parodiche e disperate, del film si scagliano: sformate, fuori fuoco, incapaci di definire linee di confine. Nessuna Genesi, c’è solo l’Apocalisse.

coming soon