Circuito Cinema - Filmstudio 7B

la cour de babel4

Squola di Babele

(La cour de Babel)
(id, Francia ) di Julie Bertucelli 89'

Versione originale francese sottotitolata in italiano

C'è Xin, ragazzina cinese cresciuta dalla nonna in patria che dopo dieci anni ha riabbracciato la mamma venuta a Parigi per lavorare in un ristorante, cinese ovviamente. C'è Rama, adolescente mauritana che dopo aver vissuto per tredici anni con il padre in Senegal dove veniva maltrattata e non andava a scuola, oggi vive con la nuova famiglia della madre ed è a Parigi per "studiare da medico e diventare una donna libera". C'è Myriam, libanese in Francia con la sua famiglia con una richiesta d'asilo, che scopre a metà anno di doversi trasferire da un giorno all'altro a Verdun. E c'è Djenabou, undicenne della Guinea, i genitori lavorano in Germania ma lei, che non riusciva con il tedesco, è stata affidata ad una parente che di fronte alle sue intemperanze in classe e al poco impegno nello studio dice: "Sarà solo lei a perderci se dovrà tornare in patria, dove l'infibulazione non è reato e ti obbligano a matrimoni combinati a tredici, quattordici anni". Questi sono solo alcuni dei ragazzi, irlandesi, brasiliani, marocchini, cinesi, senegalesi, tra gli 11 e i 15 anni, protagonisti di Squola di Babele, il documentario di Julie Bertucelli (assistente di Iosseliani e Kieslowski prima di dirigere il suo film Otar è partito) distribuito da Kitchen Film. Prima di essere inseriti in una classe "normale" frequentano per un anno o più una classe "di accoglienza", un luogo che lungi dall'essere un ghetto vuole essere uno spazio di convivenza e confronto ma soprattutto un'occasione per questi ragazzi di rafforzarsi nella lingua che dovrà diventare il loro strumento di crescita. E infatti l'energia e la passione di questi ragazzi è contagiosa. E permette di affrontare all'insegnante Brigitte Cervoni, professoressa di francese, temi difficili e situazioni spinose. In classe si parla di religione (una ragazza ad un certo punto dice “Non sappiamo neanche noi se Dio esiste!”. “Se non fosse venuta in una scuola laica in Francia non avrebbe mai potuto avere un dubbio del genere" sottolinea Bertucelli), dei propri paesi di origine, dei loro sentimenti, ma soprattutto dei loro sogni e del loro futuro. L'insegnante ha montato un progetto pedagogico di un film sulla differenza e sulla somiglianza, realizzato dai ragazzi stessi e premiato in un festival dedicato al cinema fatto dagli studenti. Ed è bellissimo leggere le emozioni (imbarazzo, commozione, gioia) sui volti dei ragazzi che si rivedono sul grande schermo accanto alle loro famiglie. Il film si svolge in classe durante le lezioni, negli incontri con i genitori per consegnare le pagelle, nel lavoro di realizzazione del loro film. Come una sorta di ritornello visivo ci sono anche i momenti di ricreazione, il cortile del titolo originale (La cour de Babel, il cortile di Babele) è visto dall'alto. "E' complicato girare nel cortile di una scuola - spiega la regista - Gli adolescenti non si parlano. Ascoltano la musica. Si spintonano. E non hanno voglia di essere filmati davanti a tutta la scuola che si ferma per guardarli. Il cortile m'ispirava più dall'alto. Ero in classe e li aspettavo. Vedevo questi alberi. Osservavo. Poi arrivavano con la loro professoressa. Ho visto le stagioni passare senza avere un'idea chiara di ciò che avrei fatto di tutto questo materiale raccolto".

coming soon

  • UNa donna fantastica
  • Linfanzia di un capo