Circuito Cinema - Filmstudio 7B

A casa nostra

A casa nostra

(Chez nous)
(id, Francia/Belgio ) di Lucas Belvaux 114'

Una mattina all’alba, le strade deserte, un furgone consegna il latte, qualche lavoratore particolarmente mattiniero esce di casa, un contadino mentre passa il trattore su un campo urta l’ennesima bomba inesplosa sepolta dalla Seconda guerra mondiale. I rumori e i silenzi di un paese immerso in una campagna aspra e piena di rovine industriali, in una delle zone meno turistiche di Francia, a pochi chilometri dalle rivolte nei campi d’accoglienza di Calais e dalle spiagge di Dunkerque raccontate da Nolan. Il Nord Passo di Calais è una delle regioni in cui il Front National di Marine Le Pen è esploso negli ultimi anni, ottenendo percentuali tanto alte quanto quelle della sinistra fino a non molti anni fa, grazie ai molti operai presenti in zona e a una crisi del sistema industriale locale, mai riuscito a riconvertirsi. Non stupisce quindi che il belga Lucas Belvaux, in una zona che somiglia alla realtà raccontata dai connazionali fratelli Dardenne nei loro film, abbia scelto la zona fra Lens e Lilla per raccontare in A casa nostra, in maniera appena camuffata da nomi diversi, i pericoli legati al Front National. Protagonista è una giovane donna, un’infermiera di nome Pauline interpretata con la consueta abilità empatica dalla brava Émilie Dequenne, soldato semplice di uno stato sociale che resiste e si impegna con passione e amore per gli altri, visitando a domicilio anziani e pazienti di ogni estrazione sociale. Un padre operaio comunista malato, due figli senza un padre presente, si vede offrire da un suo collega, medico stimato e già parlamentare europeo, la candidatura a sindaco per un partito di destra estrema, appena riconvertito alla rispettabilità dopo molti anni di connivenza con movimenti violenti e anti immigrati. Pauline è una figura molto amata dal territorio, perfetta per essere utilizzata, senza che se ne renda conto, come “utile idiota”. Belvaux si pone la domanda che hanno in testa da tempo tanti politologi ed elettori francesi: come può la figlia di un operaio metallurgico comunista finire per candidarsi per il Front National, un partito oltretutto di cui sa molto poco? Una tinta di biondo, qualche foto e un sorriso alla presentazione per la stampa: si limita a questo l’impegno richiesto, niente condivisione di un programma e per mandare avanti il paese ci penseranno “i funzionari e gli esperti burocrati”. La sconfitta delle idee, delle proposte concrete, per una verniciatura linguistica che sia di conforto agli elettori, li liberi dal tabù di votare la destra estrema. La risposta è la seduzione, quella pubblica da una tribuna piena di bandiere, ma soprattutto quella subdola del medico magistralmente interpretato da André Dussollier, che incarna l’anima nera dell’epoca in cui si sfruttavano i militanti in mimetica e mazze ferrate per mantenere a galla i dirigenti facendo il lavoro sporco, spurgando le pulsioni violente radicate nell’ideologia neofascista. Ora però sono un ostacolo, rappresentano il passato da dimenticare, da non mettere in relazione con il nuovo partito giovane e moderno. L’abilità di Lucas Belvaux è quella di seminare dubbi e domande, senza forzare le risposte attraverso personaggi troppo immersi nella caricatura, pur non nascondendo il suo punto di partenza: la pericolosità della riconversione democratica frettolosa.

coming soon

  • Linsulto
  • raffaello il principe delle arti orizzontale 1864x1137